la-vita-selvaggia-national-geographicLa fotografia non cadrà mai in disuso perché ha l’impareggiabile capacità di fermare il tempo, letteralmente: un bimbo è sempre un bimbo, un uccello è eternamente in volo. Forse affascinati da questa magia, i fotografi di National Geographic hanno scelto le scomodità di una vita difficile e avventurosa per rubare alla natura scatti che la immortalano meglio di ponderosi trattati scientifici. Le immagini raccolte in questo volume riflettono la passione e la dedizione di uomini e donne che sono i migliori nel loro campo: professionisti che si impegnano a produrre le più straordinarie e spettacolari immagini mai realizzate. Per catturare i loro soggetti, per ritrarre gli animali selvatici nel loro habitat, i fotografi di National Geographic hanno fatto grandi sacrifici, passando mesi sul campo in condizioni spesso proibitive, ai confini della Terra, a volte con grave pericolo per se stessi: diversi sono stati coinvolti in incidenti aerei, uno è stato attaccato da uno squalo, altri si sono ammalati di malaria o meningite. Il risultato è araccolto in questa ampia selezione tratta dalla rivista di National Geographic. Un volume dedicato alle più belle fotografie di natura selvaggia, scattate da maestri come Frances Lantin, Chris Johns, Des e Jen Bartlett, Bill Curtsinger, Steve Winter, Michael Nichols, DAvid Doubilet e altri di uguale fama negli ambienti più estremi, dai poli ai deserti, dalle giungle agli oceani.