Consigli e consigliati

Consigli e consigliatiMichele – Quando si vende un libro a una persona, non gli si vendono soltanto dodici once di carta, con inchiostro e colla, gli si vende un’intera nuova vita. Entrare in un libro è intraprendere un viaggio nella memoria proiettata nel futuro. La realtà diviene meno vivida e concreta, ma più soffusa e particolareggiata e di liberarsi verso altri pensieri. Quando si legge un libro si incontra l’autore nella “strada” che sta tracciando, ma è solo una sensazione momentanea. Contemporaneamente, si comincia a costruire quella propria dove le idee si confrontano e si sviluppano. Un libro, quindi, può predisporre la mente a quel “movimento” di apertura al mondo – che è l’essenza della vita. Al centro dell’interesse deve esserci la “persona umana”, in tutte le espressioni, ed è necessario scoprire i significati nuovi e più profondi che si presentano nel corso dell’esistenza. Il libro da stimoli ed occasioni di riflessioni individuali; la scelta, dunque, è quella di non “sentenziare” ma di condurre il lettore verso la “sua” strada. Grazie ai libri i lettori divengono protagonisti e non più spettatori senza confini di tempo o di spazio. I pensieri prendono corpo e divengono pensieri concreti, fantastici, buoni, cattivi, dolci, bizzarri, incerti, ispirati, sublimi, semplici, originali, ostinati… ma sempre essenza dell’essere. Il libro, dopo essere stato letto, viene interpretato ed inserito nel proprio mondo intellettuale.

Consigli e consigliati, consulta Michele

Consigliati

Cristina Carboni la rilegatrice di storie perdute
Javier Cercas
La rabbia: come riconoscerla, comprenderla e farne buon uso
Tom Hanks
Storie della buonanotte per bambine ribelli
Lavorare per obiettivi