,

Quel Centro al Centro, un posto in trincea di Wanda Nazzari

Quel Centro al Centro Wanda Nazzari

Il Centro Culturale Man Ray

PRESENTA il libro

Quel Centro al Centro, un posto in trincea”

SABATO 25 NOVEMBRE 2017, ore 17.30

Finestra evento facebook Sassari

Postfazione a cura di Mariolina Cosseddu.

Al lettore che attraversa le pagine di questo volume va fatta una precisazione. Dentro il libro si può entrare da più ingressi, si possono seguire differenti itinerari, visivi e testuali, ci si può muovere zigzagando, persino cominciare dalla fine. La narrazione sarà sempre pronta ad aspettarci, a prendere per mano chi legge per condurlo a destinazione, ad appagare curiosità e dubbi, perché il testo ha il respiro profondo del tempo, il ritmo cadenzato dei giorni che hanno scandito la storia di un’avventura che dura da più di vent’anni. Nato per celebrare l’anniversario dell’attività del “Man Ray”, questo volume è, in realtà, un “reportage” mentale che colloca nella realtà storica e non più solo aneddotica le vicende culturali di un ancora vitale centro artistico.

Un diario non solo di fatti e avvenimenti, quello scritto da Wanda Nazzari e documentato dalle immagini di Stefano Grassi, quanto di idee, di riflessioni, di scommesse e di azzardi, di sfide e rinunce, che delineano un grande collage dentro cui si legge, tessera dopo tessera, la storia dell’arte in Sardegna di questi ultimi decenni.

Ma è anche, in controluce, una vera e propria biografia sentimentale. Quella di un’artista che ha voluto dare vita e mantenere in vita, un Centro al centro.

Al centro di tutto. Della città, dell’arte, della socialità, della propria esistenza.

Il “Man Ray” è, di fatto, il caleidoscopio, magica girandola, attraverso cui Wanda Nazzari ha cercato la propria libertà e indipendenza intellettiva, la propria appassionata visione dell’arte e della vita. Ne discende una geografia del contemporaneo varia e sempre molteplice, un territorio aperto di cui Wanda rivendica, con queste pagine, la felicità che le ha portato, i momenti esaltanti vissuti, le traversie e le disillusioni; più propensa a dimenticare e tacere le amarezze e i rimpianti.

La narrazione appare dolce, pacata ma sicura, di chi non ha mai fatto sconti a nessuno, intransigente ed esigente, come è lei, una donna minuta solo nel fisico ma determinata negli obbiettivi e negli intenti. Prima di tutto quello di creare un luogo di incontro e di dibattito, uno spazio del confronto.

Per questo il racconto assume il tono del romanzo familiare, quasi un’epica visione dove la sua voce, chiamando in causa un esercito di protagonisti, ha saputo tessere, nella realtà e nella memoria, contatti e relazioni, rapporti e dissoluzioni tra chi vive dentro l’imprevedibile mondo dell’arte.

Mariolina Cosseddu

Vi aspettiamo per la presentazione del libro sabato, 25 novembre 2017 alle 17:30 qui alle Messaggerie Sarde.

,

Halloween e le sue origini: usanze e tradizioni

Halloween e le sue origini: usanze e tradizioni

 

Halloween e le sue origini: usanze e tradizioni

Halloween e le sue origini usanze e tradizioniAlla fine di ottobre e l’inizio di novembre in molte culture di ogni parte del mondo c’è una tradizione legata alla celebrazione della vita e della morte, e in questo periodo si riteneva che gli spiriti tornassero alla terra. Si vede in Messico, con El Día de los Muertos, in India con Pitru Pakshae ed anche in Italia con Ognissanti.

Gran parte delle attuali tradizioni associate ad Halloween vengono dall’Irlanda, dalla festa di Samhain. I paesini si riunivano tra loro per celebrare la fine della stagione del raccolto in memoria dei morti, accendendo una grande pira che avrebbe dovuto illuminare il percorso verso l’aldilà. La luce del falò attirava  insetti e di conseguenza anche i pipistrelli che sono entrati a far parte dei simboli caratteristici della festa di Halloween.

Le zucche di Halloween che oggi decorano i quartieri, erano originariamente delle rape bianche, sulle quali venivano scolpite delle facce mostruose come protezione contro gli spiriti maledetti:  in particolare la leggenda narra di un fantasma di nome Jack Avaro, condannato a errare come anima tormentata, portandosi dietro una rapa intagliata nella quale aveva messo un tizzone ardente tiratogli addosso dal Diavolo in persona. Da questa leggenda nasce il mito di Jack O’ Lantern.

Alcuni aspetti della festività hanno anche origini provenienti da altre nazioni. Per esempio la tradizione di afferrare una mela con la bocca si presume sia stata portata dai Romani, in associazione alla festa di Pomona: con questo gioco, molti giovani uomini e donne credevano di poter prevedere il loro futuro.

Al contrario di ciò che si pensa, “Dolcetto o  scherzetto” è un’usanza piuttosto nuova, la cui origine è ancora un mistero seppur ci siano diverse teorie. La versione più plausibile risale  al tempo dei primi immigranti americani, che avevano adottato la tradizione celtica come gioco per i bambini: ci si mascherava e si andava in giro per il quartiere a fare “Trick or Treat?“.  I bambini dovevano essere ricompensati con delle caramelle per evitare di subire uno scherzetto da parte loro.

Grazie ai media, Halloween è diventato sempre più diffuso nel resto del mondo.

Come tutte le grandi feste è diventato sempre più commercializzato, ma lo spirito di Halloween rimane sempre lo stesso. La gente festeggia senza nessun obbligo, solo per la gioia di farlo, per il piacere di divertirsi.

È un tempo di ricordi e un’occasione per creare ricordi, per  far festeggiare i bambini e festeggiare come i bambini.

È un tempo per celebrare in un modo bizzarro e dolce la notte di Ognissanti.

 

Buon Halloween a tutti!

La felicità secondo Arturo di Alessandro Cozzolino

La felicità secondo Arturo di Alessandro Cozzolino evidenza

La felicità secondo Arturo di Alessandro Cozzolino

78 indicazioni canine per allevare un umano

La felicità secondo Arturo di Alessandro CozzolinoArturo vive con un coach che allena ad essere felici. Ma Arturo sa meglio di lui cos’è la felicità. Perché ha un grande vantaggio: è un cane.

E’ il cane di Alessandro Cozzolino a parlare nei capitoli di questo libro, dandoci pillole di felicità e suggerendoci come semplificarci la vita.

In effetti noi umani abbiamo il vizio di complicare ogni cosa. Le orecchie per esempio le utilizziamo per ascoltare le voci nella nostra testa. Arturo le tiene ben dritte per ascoltare le voci del mondo.

Abbiamo la cattiva abitudine di alimentare ansie ingiustificate, di ingigantire problemi che potrebbero addirittura non esistere. Arturo è un esperto nell’essere felice perché ha capito il segreto delle piccole gioie e quello dell’amore incondizionato. Il messaggio principale è quello di semplificarci la vita e di non nutrire le negatività della nostra testa.

Ci consiglia come relazionarci con gli altri, come affrontare i momenti di stress e quando è bene fermarci per reinventarci.

E tra un “non farti carico di problemi che non esistono”, “togli i sogni dal cassetto e mettili per iscritto” e un “scegli un’attività che ami e non lavorerai mai”, in modo buffo, scorrevole e divertente Arturo ci da ottimi consigli per vivere molto meglio!

Trovi La felicità secondo Arturo, qui alle Messaggerie Sarde a € 13.90

La Reggia del Tè, la linea di Patrizia Nobile

La Reggia del Tè, la linea di Patrizia Nobile

Il primo infuso è per il gusto. Il secondo infuso è per il piacere. Il terzo infuso è per l’occhio. Il quarto infuso è per il rilassamento.

(Proverbio cinese)

Abbiamo sempre pensato che il connubio perfetto fosse un buon libro accompagnato da una buona tazza di tè.

Ecco perché alle Messaggerie Sarde, oltre alle altre tisane della Yogi Tea, abbiamo portato una nuova linea firmata la Reggia del Tè, di Patrizia Nobile.

La Reggia del Tè offre un’ampia scelta di tè e tisane per ogni gusto. La selezione degli ingredienti è curata e particolare. Un mix di elementi che si sposano deliziosamente tra loro. L’aroma di questi infusi è capace di inebriare i sensi e ricordare profumi lontani. Un magico momento per sé stessi o da condividere con le persone che amiamo.

Potete trovare presso il nostro punto vendita, cinque linee differenti:

 

I Tè per i bimbi

Tutti i grandi sono stati bambini una volta. (Ma pochi di essi se ne ricordano).

(Antoine de Saint-Exupéry)

La Reggia del Tè

La Reggia del Tè

Una linea studiata e dedicati ai più piccini a base di infusi di frutta e rooibos, priva di teina  e ricca di ingredienti golosi.

Questi infusi sono adatti ai più piccoli e  non solo. Basta sentire il profumo per farsi venire letteralmente l’acquolina in bocca. E possono essere sorseggiati anche freddi!

 

L’acqua di frutta

Uh … che sete!

Mela, ibisco, carota, barbabietola, scorza di limone, scorza d’arancia, lime, salvia, aromi naturali.

Birichin!

Mela, camomilla, foglie di melissa, papaya a cubetti, boccioli di rosa, foglie di menta, aromi naturali.

Bla bla bla

Mela, ananas, marshmallow, fettine di cocco, pezzi di croccante di nocciole, pezzetti di baccello di vaniglia, aromi naturali.

Cucciolotto

Cubetti di mela, ibisco, rosa canina, cubetto di caramello (da latte scremato), foglie di mirtillo.

Un, due, tre…

Mela, cubetti di cioccolato (emulsionante: lecitina di soia), ibisco, scorze d’arancia, cinorrodi di rosa canina, pezzetti di papaya e ananas, scaglie di cocco, petali di rosa, aromi.

 

La Tisana

Cherubino

Rooibos, lamponi disidratati, pezzetti di baccello di vaniglia, petali di rosa, aromi naturali.

Vola, vola, vola…

Pezzetti di mela, rooibos, cinorrodi di rosa canina, lemongrass, bacche di olivello spinoso, radice di cicoria, biancospino foglie, malva foglie, erica fiori, elicriso fiori.

Friciulin

Mela, rosa canina, lemongrass, fiori di tiglio, menta piperita, verbena, carota, camomilla, petali di calendula, di fiordaliso e di cartamo.

Tutti a nanna!

Mela, rooibos alla vaniglia, fiori di tiglio, foglie di melissa, fiori di lavanda, petali di rosa, foglie di mora, fiori d’arancio, fiori di malva, camomilla.

 

Una Favola di Tè

È sempre l’ora del tè, e negli intervalli non abbiamo il tempo di lavare le tazze – rispose il Cappellaio.

(Alice nel paese delle meraviglie)

La Reggia del Tè

La Reggia del Tè

Una linea di tè conservata in una graziosa confezione di latta con illustrazione. Ogni tè è ispirato a una celebre favola. Ecco le varietà disponibili:

Il Brutto Anatroccolo: tè verde e nero con fragole e bergamotto.

Cenerentola: rooibos con pezzetti di zucca.

La Lepre Marzolina: tè bianco con cannella e mandorle.

Lo Stregatto: tè nero con pistacchi interi.

Il Regno incantato: rooibos con vaniglia e limone.

La Bella addormentata nel bosco: rooibos con mandarini.

Il Principe Ranocchio: tè verde con pezzetti di fragola.

Pinocchio: tè nero al marzapane.

La Teiera: tè nero con mele al forno.

La Volpe e l’uva: tè verde con fragole e cioccolato pralinato.

 

Le Stagioni del Tè

L’amore comincia con un sorriso, cresce con un bacio e finisce con un tè.

(Anonimo)

“Un raggio di sole, l’aria fresca del mattino e il dolce Zefiro di Primavera che sparge il profumo dei fiori a me più cari… raffora il ricordo di Lei… una tazza di tè tra le mani e la nostra allegra complicità.” Così Patrizia Nobile descrive questa  linea di tè freschi e profumati, perfetti per l’arrivo della bella stagione.

Soffio di…

Rooibos, fragole a pezzetti, fragola in foglia, baccello di vaniglia in pezzi. Aroma: fragole alla panna.

Sussurro di…

Rooibos, lemongrass in foglie, scorza d’arancia, foglie di salvia, petali di girasole, petali di malva, aromi naturali.

Solstizio di…

Tè verde, tè nero, scorze di arancia, petali di peonia, di calendula e di rosa, rabarbaro in pezzetti. Aroma: arancia e rabarbaro.

È arrivata…

Tè nero, curcuma in pezzetti, spicchi di arancia, papaya e ananas, mirtilli, petali id rosa, fiori di arancio, aromi naturali

Primavera

Tè verde Senchas, fragole disidratate, boccioli di rosa, petali di malva, petali di girasole, vaniglia. Aroma: lampone e mandarino

Melodia di…

Tè nero Cina bio, fragole, lamponi, foglia di lampone, sambuco.

 

I Giardini del Tè

Il tè è saggezza istantanea − basta aggiungere acqua!

(Astrid Alauda)

Viaggio sensoriale in 16 bustine di tè delle piantagioni più rinomate, dei blend più aromatici, che fisseranno nella vostra memoria olfattiva attimi, momenti, luoghi o persone.

http://www.royalteacompany.eu/

 

Chi è Valentina Camboni

In libreria è una stagista con la risposta sempre pronta e un sorriso accattivante, nella vita una buona forchetta con la passione per l’arte ed il mondo animale. Creativa e curiosa, trascorre il suo tempo libero alternando buone letture, esperimenti culinari e avventure con il suo cane Zelda, che insieme a lei è protagonista di curiosi episodi.